Come soddisfare i consumatori online? Breve guida per un ecommerce di successo

Categoria: Gestione strategica
Pubblicato il: 21-02-2018

Animazioni, prodotti che ruotano di 360 gradi, categorie ben organizzate e filtri avanzati per le ricerche di prodotto: cos’altro possiamo fare perché i nostri ecommerce soddisfino al meglio le esigenze dei consumatori online?

La domanda potrebbe essere riformulata in questo modo: come possiamo lavorare sulla user experience per essere sicuri che il nostro sia un ecommerce di successo?

 

Gestisci un ecommerce ma non sei soddisfatto dei risultati che ottieni?
Scarica il nostro ebook e scopri le strategie digitali vincenti!

 

Come ben sai le dinamiche che regolano il web cambiano continuamente, e quello che è valido oggi, anche in ambito UX, domani potrebbe già non valere più. Ma intanto noi un po’ di punti evergreen li possiamo tenere a mente.

1. La semplicità di utilizzo

Regola d’oro per ogni ecommerce degno di questo nome: non deve essere solo bello da vedere, ma anche (e soprattutto!) facile da utilizzare. Secondo uno studio aggiornato di recente, il 76% dei consumatori online apprezza davvero un ecommerce quando non deve fare troppa fatica per trovare quello che gli serve, ed il processo di acquisto è intuitivo ed esauribile in pochi passi. Le complessità uccidono lo stimolo e l’interesse dell’utente. L’attesa può fargli sorgere dei dubbi che prima non aveva. Quindi, potremmo perderlo.

Consideriamo anche il fatto che gli utenti quando comprano online non hanno tempo da perdere: devono trovare tutto e subito. Meglio se possono confrontare prezzi, leggere recensioni e consultare le FAQ per sapere tutto su metodi e tracciamenti delle spedizioni.

2. Ottimizzazione per la navigazione da tutti i dispositivi

Quante volte ti capita di acquistare qualcosa mentre sei in treno, in autobus o in coda all’ufficio postale? Come utenti sappiamo benissimo noi per primi che un ecommerce dev’essere perfettamente navigabile da mobile. I testi devono essere leggibili senza che si debba per forza allargare il display. Il caricamento deve essere una scheggia.

Ne è consapevole anche Mark Zuckerberg dato che, con il nuovo algoritmo di Facebook, ha deciso di penalizzare i siti web che si caricano lentamente.

3. Schede prodotto curate e strategiche

Inutile dire che la forza principale di un ecommerce sono le schede prodotto. Ormai è più che assodata l’importanza di scegliere accuratamente le informazioni da inserire per ciascun prodotto.

Altro aspetto fondamentale sono le foto e i video (rigorosamente ad alta risoluzione), che mostrano i prodotti visti da ogni angolazione e colti nel momento in cui vengono utilizzati. Non deve mai mancare, ad esempio, la funzionalità che permette di ingrandire l’immagine a piacimento. Se poi le foto non si caricano velocemente o impiegano troppo tempo per caricarsi del tutto, il tasso di abbandono si alza vertiginosamente.

Le immagini vendono più dei testi? Sì, la risposta a questa domanda è sì.

4. Le liste dei desideri

Può succedere che gli utenti guardino i prodotti senza avere le possibilità economiche di acquistarli nell’esatto momento in cui li trovano. Ma non vogliono perderli di vista, anzi! Alla prima occasione buona li compreranno. Dove salvare allora gli articoli desiderati? Semplice, nella sezione dell’area riservata dedicata proprio alla lista dei desideri. Pronta per essere consultata nel momento in cui le condizioni sono favorevoli per l’acquisto. in più, se la lista può essere condivisa con amici e parenti, il traffico verso il tuo sito aumenta. E, di conseguenza, anche la popolarità online del brand.

5. Opzioni smart per il pagamento

Quant’è comodo pagare tramite Paypal o con un semplicissimo click? Senza dover ogni volta inserire numero di carta, date di scadenza e via dicendo? Un ecommerce di successo deve dare agli utenti la possibilità di optare per metodi di pagamento smart e veloci. In questo caso diventa interessante fare un’analisi del target, per capire quali opzioni preferisce per ultimare il pagamento: Paypal? Bitcoin? Un wallet online direttamente integrato nell’ecommerce?

6. Le impostazioni di sicurezza

Abbiamo appena parlato di transazioni online, perciò è doveroso dedicare uno dei nostri punti evergreen alla questione della sicurezza. L’esperienza utente, infatti, dipende anche da quanto è sicuro l’ecommerce. Sei sicuro che il tuo sito assicuri protezione e privacy a tutti gli utenti, registrati e non? Ha il certificato SSL, che stabilisce connessione sicura con il sito? E il link alla privacy policy? Il firewall e l’autenticazione sono impostati correttamente? Prepara una bella checklist per non farti sfuggire nulla!

7. Politiche di reso chiare e informazioni complete sulle spedizioni

Tutti noi, quando acquistiamo qualcosa online, vogliamo poter vedere in qualsiasi momento dove si trova il nostro pacco e quando arriverà nelle nostre mani. Allo stesso modo vogliamo sapere subito come fare nel caso in cui volessimo restituire al mittente il prodotto che abbiamo ordinato, per cambiarlo o per farci rimborsare. Cosa vogliamo dire con questo? Che dobbiamo sempre dare agli utenti tutte le informazioni necessarie sia sulle spedizioni sia sulle politiche di reso!

8. Affidarsi ad un buon corriere

Anche se può sembrare intuitivo, è sempre bene ricordarlo. È sempre importantissimo avvalersi di un corriere affidabile e con esperienza: la brand reputation di un ecommerce passa anche da quella del tuo partner logistico!

 

COME-VENDERE-ONLINE-LE-STRATEGIE-DIGITALI-VINCENTI-PER-SFONDARE-NEL-MONDO-DELLECOMMERCE 

Articoli più popolari

Esplora il nostro blog
iscrizione newsletter DHL Express