I 4 nuovi asset della logistica per ecommerce

Categoria: Gestione strategica, Gestione operativa
Pubblicato il: 12-12-2018

Chi sceglie di fare acquisti online è perché desidera un’esperienza di shopping semplice, immediata, senza stress né attriti e senza, tantomeno, muoversi dal divano di casa propria.

Proprio per questa ragione, è fondamentale curare ogni aspetto del proprio negozio virtuale: dall’aspetto del sito, alle procedure di pagamento e checkout. Tutto dev’essere in linea - se non superiore - alle aspettative dei consumatori.

 

Qual è il futuro della logistica? Tutti i trend nel report gratuito: scaricalo  qui!

 

Un passaggio necessario per poter dare agli utenti del nostro shop un’esperienza di acquisto gratificante, però, riguarda la logistica per ecommerce. Questo settore, in particolare negli ultimi anni, sta vivendo un’epoca di innovazione e crescita seguendo quattro punti cardine: centralità del consumatore, sostenibilità, tecnologia e persone. Vediamo nel dettaglio questi asset e come si stanno sviluppando.

1. Approccio customer-centric

Lo abbiamo ripetuto già diverse volte ma non è mai abbastanza: il cliente è il motore di ogni business, sia esso online od offline. Senza i consumatori non esisterebbe il commercio: insomma, senza di loro non potremmo portare avanti il nostro ecommerce.

L’approccio customer-centric ci impone di prestare attenzione alle tendenze, alle esigenze e ai consumi del nostro target in modo tale da aggiornare l’offerta del nostro shop e adottare soluzioni innovative per quanto riguarda la logistica per ecommerce.

2. Sostenibilità

La logistica per ecommerce 2.0 è assolutamente green. In un mondo sempre più inquinato, l’attenzione dei vari Paesi ricade sulla riduzione delle emissioni di CO2 da un lato per limitare effetto serra e riscaldamento globale, dall’altro per tutelare la salute. Un settore come quello della logistica non può non essere influenzato da questi importanti cambiamenti.

La grande rivoluzione è rappresentata dall’utilizzo di veicoli ad emissione zero soprattutto per le consegne dell’ultimo miglio: dal corriere in bicicletta all’auto elettrica, sono davvero tante le innovazioni che si possono implementare.

3. Nuove tecnologie

La tecnologia, ormai, è entrata davvero in ogni ambito della nostra vita: a lavoro, in casa, in viaggio… abbiamo sempre a portata di mano almeno uno strumento per rimanere in contatto con il mondo. Di fronte a questa invasione in ogni campo e settore, non potevano mancare novità anche per il settore logistico!

In pole-position troviamo l’implementazione dell’intelligenza artificiale che sta prendendo sempre più piede: un valido aiuto per una generazione più rapida di report facilmente comprensibili ed interpretabili in modo da avere a portata di mano big data per migliorare il proprio approccio al lavoro.

Al secondo posto troviamo l’Internet Of Things - la domotica degli oggetti - che non solo rivoluzionerà il settore logistico, ma anche il modo di fare shopping. Attraverso oggetti intelligenti (come il frigorifero, ad esempio) non dovremo più andare a fare la spesa, ma questa verrà recapitata automaticamente a casa nostra non appena la dispensa si svuoterà. In sostanza, la logistica diventerà sempre più automatizzata.

4. Le persone

Tanta automazione, vero, ma non bisogna mai dimenticare che il cuore della logistica sono le persone. Tutte le innovazioni - soprattutto quelle legate all’ambito tecnologico - non sono un modo per sostituire il personale di servizio, ma per supportarlo nel suo lavoro quotidiano così da offrire una customer experience d’eccellenza giorno dopo giorno.

Nei prossimi anni assisteremo ad un progressivo invecchiamento degli addetti alla logistica che andranno ad alimentare la cosiddetta grey power logistic. Questo porterà necessariamente ad una riorganizzazione del personale in modo da facilitare le persone più mature e ridurre il carico di lavoro strettamente manuale.

Chi prenderà il posto della vecchia guardia? I millennials, naturalmente, che offriranno un grande apporto non solo nel lavoro fisico ma anche intellettuale favorendo l’introduzione di nuove tecnologie e la digitalizzazione dei task.

In conclusione, come abbiamo visto, sono quattro i pilastri su cui si costruiranno le fondamenta della logistica 2.0. Al centro di tutto ci sono le persone: che siano clienti od operatori la questione non cambia, tutti contribuiscono all’evoluzione e all’innovazione del settore logistico.

Trend_Logistica4.0_DHL

Esplora il nostro blog