La top 10 dei mercati trainanti dove vendere online

Categoria: Export, Gestione strategica
Pubblicato il: 29-09-2017

Impossibile negarlo: nell’era del digitale chiunque dedica buona parte della propria attenzione alla sviluppo di strategie per la vendita online. Questo tipo di canale, infatti, offre una serie di vantaggi che lo rendono molto appetibile agli occhi non solo delle aziende, ma anche dei clienti.

 Per le prime, la vendita online rappresenta un modo per allargare il proprio pubblico, abbattere una serie di costi, permettere una gestione del lavoro più fluida e conoscere a fondo il pubblico che si rivolge al servizio offerto. Per i secondi, invece, acquistare online significa perdere meno tempo possibile, avere tutta la gamma di prodotti a portata di click, ricevere facilmente la merce a casa e, in molti casi, spendere qualcosa di meno.

 

Stai pensando di esportare i tuoi prodotti all'estero ma non conosci il mercato?
Scarica l'INFOGRAFICA con i dati dell'export italiano

 

Eppure, vendere su internet non è così facile come potrebbe sembrare: questa attività comporta una serie di riflessioni che devono essere tenute in conto. Tra le variabili da considerare, infatti, ricopre grande importanza la scelta puntuale di dove vendere online. Qui di seguito vi presentiamo la top 10 dei mercati trainanti dove vendere online è la scelta migliore che si possa fare.

Cina e Stati Uniti d’America

Non c’è da sorprendersi se i primi due mercati al mondo dove conviene di più vendere online sono quello cinese e quello americano. I fattori che giocano a loro favore sono molti, in primis la popolazione: un grande numero di utenti porta infatti con sé un alto tasso di domanda e, quindi, di offerta. A esso si aggiungono anche la presenza di colossal (quali Alibaba e Amazon) che si occupano di vendita online e un mercato che si trova in due aree del pianeta tra le più floride dal punto di vista economico.

Regno Unito

Al terzo posto troviamo l’UK, che è anche il mercato più grande in Europa. Qui il sistema di pagamento più usato è quello costituito da PayPal e solo a seguire viene la carta di credito. Non è più diffuso il pagamento in contanti alla consegna e oltre un terzo delle vendite che si effettuano sono dopo le 18, quindi a conclusione della giornata lavorativa. Pare, inoltre, che l’invio di email promozionali funzioni meglio se lo si effettua proprio nelle ore serali.

Giappone

In quarta posizione si torna in Estremo Oriente, nella terra del Sol Levante. La peculiarità che distingue il Giappone nell’ambito dell’ecommerce è che in questo Paese si registra la percentuale più alta di utenti che effettua acquisti da smartphone, tanto che quasi la metà delle vendite viene realizzata da mobile.

Germania

A chiudere il primo quintetto della top 10 dei mercati trainanti dove vendere online si torna nel Vecchio Continente, in Germania per la precisione. Una posizione interessante, se si considera che prima di lei tutti i Paesi che compongono la classifica non si trovano in quest’area geografica, eccezion fatta per il Regno Unito. Qui, a differenza di quanto accade in Giappone, la maggior parte degli utenti si connette a internet per effettuare acquisti al mattino.

Francia, Corea del Sud e Canada

Sono questi i tre Paesi al mondo che si collocano nella seconda metà della top 10 mondiale. Come si può vedere, a farla da padrone è di nuovo l’Europa, seguita dall’Estremo Oriente e da uno Stato come il Canada in cui si parla il francese, che è la medesima lingua del sesto Paese in questa classifica.

Russia e Brasile

Interessante, infine, notare come a chiudere la top 10 ci siano due dei BRICS, ossia i cinque paesi tra le maggiori economie internazionali emergenti: la Russia e il Brasile. Entrambi sono mercati che hanno dato e che continuano a dare molte soddisfazioni agli operatori italiani.

E l’Italia?

Nella classifica europea, l'Italia è al settimo posto. Qui l'incremento dell’ecommerce tra 2014 e 2015 è stato talmente vertiginoso da avere permesso a sempre più aziende di dedicarsi ad attività di commercio elettronico, con un tasso di crescita che, se le proiezioni si avverranno, raggiungerà livelli record nel 2025.

New Call-to-action

Articoli più popolari

Esplora il nostro blog
iscrizione newsletter DHL Express