L'ecommerce in Italia: i 4 trend del 2018

Categoria: Gestione strategica
Pubblicato il: 19-02-2018

Anche in Italia l’ecommerce pian piano si è andato ad imporre sulla scena come possibile alternativa al tradizionale modo di fare shopping in un negozio fisico. Di conseguenza, in così pochi anni, alla sua notevole e rapida crescita è seguita una sempre più spietata concorrenza straniera.

Per non restare impreparato di fronte ai competitor, l’ecommerce in Italia ha cercato di migliorare le sue dinamiche e le sue potenzialità, andando a semplificare i processi e ponendo maggior attenzione ad ogni momento della customer experience. Si è constatato che, oltre alla qualità dei prodotti e ai servizi proposti, i clienti vogliono sentirsi coccolare in ogni momento del customer journey, soddisfare ogni richiesta e rispondere a tutte le perplessità.

 

 Sei sicuro di aver scelto la piattaforma ecommerce migliore?
Scarica l'ebook e scopri le 3 preferite dalle aziende!

 

Dunque, per cercare di rimanere al passo con i tempi e offrire ai clienti una customer experience sempre più interattiva e coinvolgente, in questo articolo, focalizzeremo l’attenzione sul mondo dell’ecommerce in Italia, prendendo in considerazione alcuni trend per il 2018, che spiegano l’evoluzione e l’andamento del settore.

L’ecommerce in Italia: i trend del 2018

L’inarrestabile evoluzione dell’ecommerce porta con sé dietro una più spietata concorrenzialità: per evitare di scomparire e di lasciare libera la scena agli avversari, è bene seguire alcune semplici regole, che possono aiutare a proporsi meglio sul mercato e ai clienti. Vediamole insieme qui di seguito:

1 - Shopping personalizzato

Si assiste all’emergere di esperienze di shopping sempre più personalizzate per ogni singolo utente, basate sulle esigenze e sui bisogni individuali.

Ogni cliente ha la possibilità di accedere a contenuti unici durante l’intero customer journey: consigli sui prodotti e componenti aggiuntivi scelti in base alle proprie preferenze, alla posizione geografica, alle tendenze di mercato, agli acquisti passati e alle interazioni con il brand.

Questo meccanismo permette di mostrare al cliente solo ciò che per lui è realmente rilevante, con il solo scopo di soddisfarlo, in modo da instaurare un rapporto duraturo e gratificante per entrambe le parti.

2 - Shopping assistito

Lo shopping per il cliente si fa sempre più assistito e coinvolgente, grazie all’utilizzo di chat bot, ossia di un’intelligenza artificiale, che ha lo scopo di prevedere sempre più il comportamento d’acquisto dei clienti e non semplicemente di monitorarlo.

Si tratta di personal shopper virtuali, ovvero agenti che assistono il cliente in ogni fase del processo, rispondendo alle sue domande, supportandolo nella scelta dei prodotti o nei diversi servizi d’interesse, in modo da offrirgli un’esperienza d’acquisto guidata, interattiva e dinamica.

Un esempio di shopping assistito e di personal shopper virtuale viene dato da Amazon con il suo stilista Echo look, in grado di aiutare l’utente in ogni momento, dandogli consigli di moda o indirizzandolo nella scelta del look perfetto.

3 - Shopping da mobile

Lo shopping diventa un’esperienza sempre più dinamica e facilitata in tutti i momenti del processo d’acquisto.

Fino a poco tempo fa, la maggior parte degli utenti preferiva comprare online usando il pc piuttosto che dispositivi mobili. Pian piano la situazione si è andata a modificare col prevalere di clienti che effettuano acquisti in maniera più veloce e diretta, cioè via mobile.

4 - Shopping on demand

Il cliente non solo viene posto al centro dei servizi offerti per lui, ma vuole intervenire nel processo d’acquisto, modificando l’offerta secondo le proprie esigenze e stabilendo luogo e data della consegna del prodotto.

Il modello diventa customer centric e on demand: il primo termine insiste sulla centralità del cliente e dei suoi bisogni, mentre il secondo, indica l’insieme dei servizi personalizzati e scelti su richiesta dell’utente.

Con questo nuovo tipo di servizio è proprio lui, e nessun altro, che, a seconda dei suoi impegni e delle sue preferenze, può permettersi di cambiare e di variare gli accordi stabiliti. Queste opzioni possono essere cambiate ovunque, in qualsiasi momento e da qualsiasi dispositivo.

Prese in considerazione le tendenze appena delineate, appare indispensabile allinearsi con i cambiamenti in corso, rinnovando la propria strategia, in modo da evitare di farsi trovare impreparati di fronte ai competitor!

Le 3 piattaforme per ecommerce migliori

Articoli più popolari

Esplora il nostro blog
iscrizione newsletter DHL Express