La top 6 delle fonti di ispirazione per il tuo eCommerce

Categoria: Gestione strategica
Pubblicato il: 04-04-2019

Avere un’idea dovrebbe essere come sedersi su uno spillo: dovrebbe farti balzare in piedi e fare qualcosa. (Harvey B. Mackay, businessman statunitense) Eppure, spesso e volentieri, stiamo seduti ore e giorni su questo spillo ma le idee non accennano a farsi intravedere.

Quando la creatività viene meno è necessario trovare un input per sbloccare questa situazione: ecco allora 6 fonti di ispirazione per quando abbiamo il blocco.

 

Vuoi dare una marcia in più al tuo eCommerce? Scopri le 9 regole d'oro

La quotidianità è il miglior trigger

Pensa ai comici: perché fanno ridere? Perché partono dall’osservazione della realtà per preparare i loro pezzi solo che la guardano da un altro punto di vista. Questo significa che anche una cosa così semplice come la quotidianità può servire da input per dare nuova linfa vitale alla nostra creatività.

Pensa a ciò che non funziona, analizza l’offerta attuale: non c’è ancora una soluzione ma c’è richiesta? Perfetto, hai trovato una fetta di mercato ancora inesplorata. Se, invece, esistono già dei prodotti scatta una seconda domanda: posso migliorarli in qualche modo? Se non fosse possibile, la ricerca ricomincia; in caso contrario, puoi creare un’opportunità di business per il tuo eCommerce.

Segui la moda, conosci il tuo target

Ogni anno - più volte - vengono pubblicati articoli e report del tipo “novità dell’anno” o “i prodotti più venduti degli ultimi 12 mesi”: una serie di contenuti riguardanti i trend di gradimento e acquisto da parte dei consumatori. Questi sono molto utili come punto di partenza da cui trarre ispirazione perché ci permettono di conoscere da un lato la direzione che sta prendendo il mercato, dall’altro i gusti e le abitudini di consumo del nostro target.

Tra i report più utili e completi abbiamo WeAreSocial, il report annuale di Casaleggio Associati per lo stato dell’eCommerce in Italia, TrendHunter, TrendWatching e PSFK (una sorta di motore di ricerca dedicato alle analisi di mercato e alle statistiche).

Social Media: un flusso continuo di idee

Mode - anche passeggere - abitudini, gusti… tutto ciò trova dimora all’interno dei Social Network. Facebook, Instagram e Pinterest - tanto per citare i tre più ricchi di spunti - sono sempre luoghi ideali in cui cercare l’idea perfetta per il proprio eCommerce. Per alcuni settori funziona molto bene anche Reddit: una sorta di social forum in cui gli utenti aprono thread e discussioni su argomenti a loro piacere e questi possono essere votati con un like o un dislike dalla community.

Il potenziale dei social deriva dallo User Generated Content (UGC): tutto ciò che circola su queste piattaforme viene, infatti, creato dagli utenti per gli utenti. E chi meglio del pubblico conosce i gusti del pubblico?

Influencer marketing: lasciati influenzare!

Prendi la Chiara Ferragni o il Mariano Di Vaio di turno, sono persone che dettano le regole del mercato in cui sono inseriti proponendo - giorno dopo giorno - tantissime novità che fanno tendenza. Gli influencer esistono anche al di fuori del settore fashion, basta seguire quelli della propria nicchia per capire meglio quali prodotti o servizi vengono apprezzati dalla nostra target audience e, successivamente, agire di conseguenza.

Top Player e concorrenza

No, non ti stiamo per consigliare di copiare spudoratamente la concorrenza anche perché quello che funziona per altri business potrebbe non sortire lo stesso effetto benefico su di te. Però, osservare i top player del proprio settore, può essere un modo per oliare un po’ gli ingranaggi arrugginiti della nostra creatività.

Naturalmente, ogni settore ha i suoi colossi ma ci sono marketplace come Amazon, Ebay e Alibaba (questo per il B2B) che sono riusciti a diventare dei leader transettoriali. Da questi esempi si può imparare molto indipendentemente dalla propria nicchia di mercato.

Esci dalla tua zona

Quando eravamo piccoli, le mamme ci permettevano di uscire con gli amici a patto di restare in zona. Una volta cresciuti, si inizia a girare il mondo e a scoprire cose nuove che mai avremmo potuto immaginare se fossimo davvero “rimasti in zona”. Tutto questo ci suggerisce che talvolta è necessario esplorare altri mercati anche al di fuori del nostro settore o del nostro Paese. Dall’incontro di due poli opposti o - in ogni caso - lontani tra di loro può scaturire un qualcosa di geniale!

Basti pensare al co-marketing tra Android e KitKat od Oreo: cosa c’entra la tecnologia con un wafer al cioccolato o un biscotto? Eppure la partnership ha funzionato alla grande e i tre brand sono attualmente più forti che mai nel loro mercato di riferimento.

Eccoci arrivati alla fine di questa carrellata. Ricorda, la creatività è come una girandola: se non c’è vento questa non gira. Il tuo compito è quello di essere la dolce brezza che dà energia e alimenta il suo giro e se mai sarai a corto di aria, puoi sempre rubarne un po’ a chi ha tanto vento da offrire.

9 Regole d'oro dell'ecommerce

Esplora il nostro blog