Trucchi per piccoli ecommerce: 6 modi per presentarsi come i big

Categoria: Gestione strategica
Pubblicato il: 28-03-2019

Al giorno d’oggi, chi va in cerca di un eCommerce si trova di fronte ad un panorama ricco in cui è difficile scegliere a chi affidarsi.

Una cosa è certa però: tra un piccolo negozio online e un grande player di mercato, il consumatore si orienta verso il secondo perché è stato testato da molti altri utenti e ha già un’ottima brand reputation (senza contare che spesso offre servizi - come la spedizione gratuita - assenti in eShop più piccoli).

 

Vuoi dare una marcia in più al tuo eCommerce? Scopri le 9 regole d'oro

 


Per poter competere con questi colossi è prima necessario dotarsi di tutto l’occorrente per poter combattere ad armi pari. Se da un lato è impossibile migliorare la propria reputazione di marca e far crescere il proprio fatturato da un giorno all’altro, dall’altro è possibile adottare delle tattiche per presentarsi come i big del settore. Ecco qualche consiglio.

1. Plurale maiestatis

Gestisci un eCommerce da solo? Da oggi non sarai più solo tu, sarete voi. Comunicare come se dietro ad uno shop online ci fosse un team, dà subito un’idea di grandezza e completezza al consumatore, il quale penserà di avere a che fare con una squadra di persone pronte a soddisfare le sue richieste.

2. Investi sul web design

Tutti (o quasi) abbiamo il parente noto come “il cugino che ne sa di programmazione”, ma se vogliamo davvero aprirci alla competizione con i big player del mercato non possiamo fare affidamento a lui per la costruzione del nostro eShop. E la stessa cosa vale per i tanti builder gratuiti presenti in rete, naturalmente.

Uno shop online deve comunicare subito l’identità e l’affidabilità del brand, i percorsi di navigazione devono essere chiari e ben strutturati, il design dev’essere d’impatto immediato: non puoi permetterti di perdere un utente perché il sito non è ben costruito. Per evitare questo rischio, fai un investimento e scegli un professionista in grado di strutturare la user experience anche dal punto di vista grafico.

3. Definisci la tua identità con un logo

Molti pensano che il nome sia già sufficiente per identificare un marchio, ma credi davvero che un brand come Nike sarebbe stato così iconico senza il suo swoosh? Oggi basta vedere quel simbolo per identificare l’azienda anche senza leggerne il nome.

Un logo è fondamentale per chiarire il proprio posizionamento e dare un segno forte e tangibile della brand identity. Il tutto può essere corredato - anche se non è obbligatorio - da un payoff di effetto: un positioning statement per definire obiettivi e core business del nostro eCommerce.

4. Incentiva le review

Le recensioni sono la prova tangibile che qualche utente è passato di lì e ha acquistato quel prodotto. Inoltre, secondo una ricerca di Bright Local, il 92% dei consumatori guarda le review negli eShop di nicchia prima di effettuare un acquisto: questo perché - in assenza del try before you buy - gli utenti cercano di capire la qualità del prodotto in modo da evitare merce di scarsa qualità.

Per incentivare il rilascio di recensioni da parte dei consumatori si possono concedere dei codici sconto, oppure delle offerte ad hoc od omaggi. Insomma, un segno concreto di gratitudine per quel gesto: in questo modo l’utente sentirà il suo tempo valorizzato e non gettato nel vuoto.

5. Dominio email personalizzato

Esistono centinaia di client di posta elettronica: Gmail, Outlook, Libero, Yahoo… e chi più ne ha più ne metta. Tutti offrono un indirizzo di posta elettronica gratuito personalizzabile solo dal punto di vista del nome utente, ma non c’è nulla di meno professionale di leggere: “Scrivi a negozio@gmail.com”.

Per poter competere con i big serve prestare attenzione al dettaglio: allora per il tuo eCommerce richiedi un dominio personalizzato. Si tratta di un piccolo investimento che, però, può ribaltare il modo in cui vieni percepito dagli utenti.

6. SEO a tutto spiano!

Ultimo trucco su cui non si investe mai abbastanza tempo è l’ottimizzazione per i motori di ricerca. Le persone non si accontentano più dei vecchi spot pubblicitari, sono consumatori autonomi e, in quanto tali, vogliono informarsi sui mezzi a loro disposizione: Google, in particolar modo, è il portale per eccellenza.

Chi non esiste su Google come può essere trovato dagli utenti? Ricorda di ottimizzare non solo i contenuti testuali delle pagine, ma anche anche meta description, url e immagini (attraverso l’inserimento dell’attributo alt text all’interno del codice).

In conclusione, non è impossibile raggiungere la vetta dei top player; certo è che la strada è in salita e per colpire il target è necessario fare qualche investimento non solo in termini di budget ma anche di tempo. Un eCommerce è come una pianta: il primo giorno pianti il seme, ma per raccoglierne i primi frutti serve aspettare del tempo.

9 Regole d'oro dell'ecommerce

Esplora il nostro blog